DIY · fashion · sostenibilità · Style

Rammendare con stile: Il Sashiko

Tra cambio di stagione e riordino del guardaroba inevitabilmente tornano alla luce capi lisi dai quali non riusciamo a separarci e qualcuno rovinato dalle tarme (maledette!). In entrambi i casi ci tocca rammendarli e allora perché non farlo in modo originale secondo la tradizione giapponese del sashiko?

Il sashiko, letteralmente piccoli affondi (con riferimento al susseguirsi dei punti), è un’antica tecnica di ricamo risalente al periodo Edo. Di origine popolare, era utilizzata principalmente per rammendare e rinforzare i kimono. Sostanzialmente consisteva nell’aggiungere del tessuto al capo leggero o logoro fissandolo con ricami a contrasto. Potremmo forse definirlo una sorta di patchwork nipponico ricamato.

All’ Amuse Museum di Tokyo ad Asakusa si posso vedere degli esemplari di kimono rattoppato con questa tecnica…

credits: Amuse Museum

In origine il sashiko veniva prevalentemente realizzato su canapa o lino tinti di blu con filo bianco o comunque chiaro. La filosofia del sashiko è quindi quella del recupero di capi e tessuti con l’aggiunta di ricami per abbellirli, caratteristica che lo rende decisamente sostenibile e attuale.

Con il passare del tempo si è sempre più affermato come raffinato stile di ricamo geometrico, con regole ben precise, ma rimane un originale e resistente metodo per dare nuova vita non solo a capi rovinati, ma anche a biancheria e tessili per la casa.

credit: Pinterest

Il sashiko può essere applicato al cotone, lino, canapa e altri tessuti naturali, a tinta unita o con fantasie minimal, purché non troppo sottili. Meglio evitare i tessuti batik che potrebbero perdere colore durante i lavaggi e rovinare i ricami. Si presta benissimo alla decorazione o riparazione del tessuto di jeans che riprende i colori classici della tradizione.

credit: Pinterest

Per realizzare il sashiko sono necessari gli aghi lunghi, disponibili in ogni merceria e del filo da ricamo. I motivi sono geometrici, anche se floreali e ripetuti. Online si trovano tantissimi pattern gratuiti…

credits: Pinterest

Ma è possibile inventarne di nuovi, personalizzarli e modificarli a proprio piacimento…

Questo ad esempio, è un sashiko rivisitato in chiave simpatica e contemporanea. In verità è un po’ impreciso, ma glielo perdoniamo perché è molto carino e funzionale.. 😉

credit: Pinterest

Di base il sashiko non è difficile, basta iniziare con dei motivi con troppo articolati. Ho trovato un interessante tutorial che spiega in modo semplice e dettagliato come avvicinarsi a questa tecnica…

credits: Studio Koekoek

Per chi volesse approfondire, su Amazon si trovano vari libri sull’argomento… Io ho comprato questo che ha vari modelli all’interno, ma ce ne sono tanti altri…

credit: Amazon

Sono anni che volevo provare a realizzare qualche riparazione e decorazione con questa tipologia di ricamo…Direi che adesso non ho più scuse! 😉

E voi la conoscevate?

Buon pomeriggio!

Effe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...